Pablo Echaurren - La casa del desiderio

. . Nessun commento:

Indiani delle metropoli, il '77 dimenticato, di Monia Cappuccini

 

«Mi chiamo Gandalf il Viola. Parlerò a titolo strettamente personale. Perciò parlo a nome degli Elfi del bosco di Fangorn, dei Nuclei Colorati Risate Rosse, del Mpfa (Movimento politico fantomatico assente), delle Cellule Dadaedoniste, di Godere Operaio e Godimento Studentesco, dell'Internazionale Schizofrenica, dei Nsc (Nuclei sconvolti clandestini), della Tribù di Cicorio, dei Cimbles e di tutti gli indiani metropolitani». Si presentò con queste parole, e con un cilindro in testa e il volto dipinto di bianco, l'indiano metropolitano Olivier Turquet, invi(t)ato ad una conferenza stampa a Roma. Correva l'anno 1977, l'era del "tutto il potere all'immaginazione" che corroborava intrusioni nell'informazione ufficiale di questo genere. Seduto accanto a Gandalf l'allora segretario della Fgci Massimo D'Alema, serio e un po' interdetto da quella stramba presentazione - incipit per un affondo nei confronti del Pci.
L'episodio ha fatto storia e la storia ha reso merito al ‘77, in fondo anche grazie alla complicità performativa di Gandalf. Del come e del perché parla, indirettamente, Pablo Echaurren nel suo libro-diario La casa del desiderio (Manni Editore, pp. 119, euro 10,00), narrazione ironica sull'anima più irriverente del Settantasette romano: gli indiani metropolitani. Passaggio breve e colorato, il loro, quasi un'apparizione, ricondotta da Pablo Echaurren in una sorta di fenomenologia di movimento. Scevra di eroismo, disfattismo, mitizzazione o senso nostalgico. Del tutto spiazzante e immortale, come l'energia adrenalinica dei fratelli Ramones.
Pittore, artista e istrione del nostro tempo, Pablo Echaurren fu tra i protagonisti di quella straordinaria annata di contestazione, ideando insieme a Maurizio Gabbianelli, Olivier Turquet, Massimo Terracini e Carlo Infante alcune testate autoprodotte, quali Abat/jour e Wam, e il più noto e curioso foglio-affiche Oask?! , collage di testi collettivi in cui la scrittura veniva pluri-direzionata per disgregare segni e messaggi. Indisciplinata e imprevedibile, come la loro critica nei confronti della vecchia politica e delle forme tradizionali della rappresentanza, portata avanti a colpi di comunicazione viva, fatta di ironia, giochi di parole, détournement e slogan invertiti fino al paradosso.
Chi erano questi Apache, Cheyenne, Sioux e Mohicani che dissotterrarono l'ascia per affacciarsi sul piede di guerra nella contestazione? Giovani disoccupati cresciuti a latte e rifiuto del lavoro, che dall'università migrarono verso il centro storico romano, tirandosi fuori dalle piazze arroventate da uno scontro militare insostenibile. Senza dimenticare i precetti dadaisti ripetuti a mantra: l'arte è vita e la vita è arte. E che senza deroghe condussero la tribù di Roma a misurarsi in prima persona con il bi/sogno di vivere collettivamente nuovi rapporti umani. Nel desiderio di tradurre la politica nella riappropriazione dell'esistenza, la casa in via dell'Orso 88 si prestò così a metafora della vita.
A due passi da Piazza Navona, alla palazzina di tre piani con attico e due terrazze collegate da una scala a chiocciola, vi si arrivava seguendo strade e piazze barocche. Un flusso di soggetti desideranti diede lì vita alla prima occupazione giovanile. Di cosa vi accadeva Echaurren racconta senza nulla scontare alle delusioni e disillusioni sulle difficoltà di convivenza. Laboratorio di creatività oltre che di vita, il quadro delle memorie è sostenuto da un vasto repertorio di materiale fotografico e grafico d'epoca, come gli scatti di Tano D'Amico e manifesti, biglietti, messaggi e disegni accidentalmente, e fortunosamente, scampati al sequestro durante lo sgombero di via dell'Orso. Il '77 non è stato poi così devastante. A guardarlo dalla casa del desiderio è stato "l'anno del girotondo più che del piombo". Del conflitto e dello scontro violento certo, non privo di contraddizioni interne. Nell'articolata geografia di collettivi e gruppi, proprio la collocazione degli indiani ne costituì anzi un'incongruenza. Quando si trattò di passare davvero all'azione un dubbio trascendentale li colse: «Ma l'88 nel '77 quante volte ci sta?».

 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel Blog

Google+ Badge

Youtube channel

Archivio blog

Radio Onda Rossa

Informazioni personali

La mia foto

Anni '70, tanta politica, ma soprattutto tanta voglia di vivere esperienze nuove, di allargare l'area della propria coscienza critica. Si faceva con i volantini, il cinema, la musica, qualche canna e il viaggio. Dove andavamo? Verso noi stessi, come in ogni viaggio che conta. E come in ogni viaggio, qualcuno è arrivato, qualcuno viaggia ancora e tanti (purtroppo) si sono persi o fermati lungo il percorso.

L'anticopyright del PDA

L'anticopyright del PDA
"L'autore esclusivo del contenuto di questo sito, rinuncia volontariamente ai diritti d'autore donando la propria opera al Pubblico Dominio Antiscadenza come azione anticopyright contro la proprietà intellettuale."

Visualizzazioni totali

Aggregatore Catalogo RSS AggregatorSono su Addami! Directory italiana nuovosito.com Il Bloggatore SiteBooK visite gratis glianni70.blogspot.it